Messaggio da un publisher AdSense: come bilanciare interessi in conflitto

giovedì 12 aprile 2012 | 23:29


Nota dell'editore. Oggi ci piacerebbe condividere alcuni suggerimenti del publisher AdSense Dave Taylor, proprietario e autore di askdavetaylor.com. Dave Taylor è online da più di 30 anni e praticamente da sempre realizza utili contenuti tecnici. Potete trovarlo online all'indirizzo http://www.davetayloronline.com.

Essere un publisher AdSense equilibrato non è facile perché non appena cominciano ad aumentare le entrate, scatta il desiderio naturale di concentrare l'attenzione sui profitti. Il problema di concentrarsi sulle entrate è che si distoglie l'attenzione dalla creazione dei contenuti più utili per i lettori. E senza lettori, non c'è pubblico a cui mostrare gli annunci.

Lo so bene, perché è una sfida che devo fronteggiare anch'io in quanto publisher AdSense. Gestisco Ask Dave Taylor, un sito di assistenza tecnica molto visitato. Dal 2003 il mio obiettivo è rispondere gratuitamente a domande tecniche in modo semplice e facile. L'anno scorso il sito è stato visitato da più di 18 milioni di persone, ma è anche un business, non un hobby, quindi è importante ottimizzare le mie entrate per visitatore.

Sicuramente vi avranno già detto che "tutto dipende dai contenuti" e che i siti migliori hanno contenuti di qualità che vengono aggiornati periodicamente per fornire valore aggiunto ai clienti. È ancora vero ed è importante concentrarsi principalmente sull'esperienza da offrire ai lettori.

Tuttavia, c'è questa tensione. È il richiamo del lato oscuro, per dirla con la terminologia di Guerre Stellari. Qual è il giusto compromesso tra contenuti ed entrate?

Ecco come cerco di bilanciare le cose...

Il primo sito che consulto ogni settimana è Google Analytics. I dati, quali il numero di visitatori che utilizzano dispositivi mobili, sono per me fonte di riflessione. Questo mi ha aiutato a decidere quanto investire in una versione del sito ottimizzata per i cellulare (e a capire il momento giusto in cui aggiungere AdSense Mobile per i contenuti nel mio mix pubblicitario). Analytics mi segnala inoltre quali sono le pagine più cliccate del mio sito e mi fornisce informazioni sulle pagine visitate più di frequente dai miei lettori. Dato che tutti i miei contenuti sono suddivisi in categorie, mi consente di capire, ad esempio, se le esercitazioni su Sony PSP generano più traffico di quelle su Apple iPod.

Se collegate Analytics ad AdSense (sì, c'è un articolo sul mio sito che spiega come farlo), potete anche generare un rapporto sulle pagine più redditizie, mettendo in relazione il traffico e le entrate AdSense. Potete rendervi conto in modo affidabile se il blog scritto tre mesi fa di fatto ora genera l'11% delle entrate complessive del vostro sito.

Ma riappare il fantasma cattivo dei profitti.

Consideriamolo da una prospettiva diversa. C'è un nome per un ristoratore che si concentra solo sulle entrate per cliente e continua ad aumentare i prezzi: fallito. D'altro canto, un ristorante che non fa attenzione ai piatti più richiesti, alle specialità che fanno impazzire i clienti e alle variazioni del costo degli alimenti rischia di finire con un menu completamente non in sintonia con i desideri dei clienti e anch'esso fallisce.

Dedico la maggior parte del tempo e dell'attenzione a produrre i contenuti migliori possibili e uso il mio desidero di ottimizzare le entrate come obiettivo secondario, qualcosa da tenere presente mentre procedo. Non risolve tutti i problemi della mia attività, ma mi aiuta a costruirla in modo più efficiente.

Se siete da molto tempo un publisher AdSense, spero che anche voi abbiate trovato il giusto equilibrio tra essere completamente condizionati dai contenuti e ignorare il lato economico della vostra attività di pubblicazione. In caso contrario, ecco un suggerimento basato sui miei anni di partecipazione: una volta al mese analizzate in profondità i rapporti AdSense per capire quali categorie, quali argomenti e quali pagine del vostro sito hanno un buon rendimento. Impostate un obiettivo che preveda un miglioramento di quei risultati nei 30 giorni seguenti, poi dimenticatevi delle entrate e concentratevi completamente sui contenuti che possono contribuire alla community dei vostri clienti. Analizzate, ottimizzate, ripetete.

-------

Scritto da Raina Rathi, Strategic Partner Manager, AdSense